martedì 4 aprile 2017

La mia nuova avventura

Come ormai sapete, da qualche mese sto cercando lavoro.
In più di un'occasione mi è stato proposto da persone a me vicine di provare a fare la rappresentante di alcuni prodotti, tipo aspirapolveri, prodotti assicurativi, di bellezza o altro.
Ho sempre rifiutato.
Non perchè non lo ritenga un buon lavoro, anzi!
Trovo che sotto molti punti di vista potesse essere una buona soluzione per concigliare il lavoro con la mia vita da mamma, e guadagnare anche qualcosa.
Ma non mi sentivo abbastanza competente per poter vendere alle altre persone i prodotti in questione.
In fondo non sono certo la persona giusta per parlare agli altri di aspirapolveri e pulizie (come vi ho raccontato qui ), di assicurazioni non capisco un tubo e per quanto riguarda i prodotti di bellezza a mala pena riesco a mettermi la crema idratante la mattina!
Poi per puro caso ho letto sul blog di un'altra mamma (Mamma in Missione) che la casa editrice Usborne cercava consulenti per vendere libri per bambini in lingua inglese.
L'idea mi ha colpito subito molto: finalmente un prodotto che mi interessava e che mi piaceva!
Infatti adoro i libri: sono una lettrice accanita (un po'meno da quando una meravigliosa pagnottella impegna tutte le mie energie fisiche e mentali!), e adoro la lingua inglese!
Mi ha sempre appassionato, fin quando da ragazzina mi impegnavo a tradurre le canzoni dei Take That e delle Spice Girls (vabbè poi i miri gusti musicali sono migliorati eh!).
Al liceo, dopo vari soggiorni in famiglia all'ester, ho iniziato a leggere libri in inglese e a guardare film e telefilm in lingua originale, e la cosa mi ha aiutata moltissimo a migliorare la lingua.
Questo perchè, diciamocelo, non sempre gli strumenti offerti dalle nostre scuole sono sufficienti ad imparare l'inglese come si deve.
I bambini iniziano a studiare inglese fin dall'asilo, ma spesso arrivano alle superiori con un vocabolario assolutamente insufficiente: me ne rendo conto, ad esempio, parlando con mia nipote di 16 anni, che ha tutti 9 in inglese ma non è in grado di formulare le frasi più semplici per mancanza di vocaboli.
Per questo ritengo sia loto utile aiutare i bambini già fin da piccolissimi a familiarizzare con la lingua, offrendogli ad esempio cartoni animati in lingua e libri ben fatti e divertenti adatti alla loro età, in modo che per loro sfogliare un libro in inglese, sentire la mamma che lo legge ad alta voce e che gli indica le figure, sia un gioco come un altro.
Il catalogo Usborne è davvero vastissimo: ci sono proposte di tutti i tipi e per tutte le fasce di età.
Si parte dai classici libri tattili per bambini, con materiali in rilievo e disegni semplicissimi, tipo questo:
 
ai libri musicali, con le finestrelle, con gli stickers, i libri con le fiabe classiche, le filastrocche, fino ad arrivare a libri più strutturati come le enciclopedie, le versioni a fumetti di classici della letteratura tipo Odissea ecc.
Ho passato la serata ieri sera a sfogliare il catalogo e i libri che mi sono arrivati ieri con lo starter kit e ne sono rimasta entusiata!!
E voi, cosa ne pensate?
Credete sia utile offrire ai nostri bimbi libri in lingua?



4 commenti:

  1. La mia posizione in merito la sai già ☺! Grazie per la citazione !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati!grazie a te per aver risposto ai miei mille dubbi!:)

      Elimina
  2. In bocca al lupo! Li fanno anche per adulti? 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda loro danno delle fasce di età indicative, credo riferite ai madrelingua o comunque a chi conosce molto bene l'inglese. Calcolando il nostro livello medio di conoscenza credo che i libri consigliati per i bambini di 10 anni potrebbero tranquillamente essere proposti per l'università!:)

      Elimina